Uomini e Donne, Gemma Galgani non lo nasconde più: “Penso spesso ad un uomo” (FOTO)

Gemma Galgani
Gemma Galgani

Gemma Galgani pensa di continuo ad un uomo

E’ tempo di confessioni per Gemma Galgani, storico pilastro del Trono over di Uomini e Donne. E sono delle confessioni davvero piccanti quelle della 71enne torinese che da oltre un anno si è trasferita nella Capitale perché non lavora più nel teatro di Torino.

In attesa di vederla nuovamente nel dating show ideato e condotto da Maria De Filippi, la piemontese ed acerrima nemica di Tina Cipollari non ha ancora trovato la sua anima gemella. In questo decennio di presenta al parterre senior la nonna ha avuto numerose storie e frequentazioni, ma purtroppo per lei sono tutte fine e colate a picco.

La 71enne torinese pensa a Marco Firpo

Nel nuovo numero di Uomini e Donne Magazine è contenuta una lunga intervista a Gemma Galgani dove ha confessato di pensare in modo continuo, un poco ossessivo, ad un uomo. Di chi si tratta? “Il mio pensiero è andato spesso a Marco Firpo e una situazione molto romantica vissuta con lui. È un bel ricordo”, ha detto la 71enne torinese.

In poche parole, l’ex cavaliere dalla chioma bionda la ha turbata, stuzzicata. Per caso per i due, in un prossimo futuro, si potrebbero di nuovo frequentare? Staremo a vedere, fari puntati sulla prossima edizione, la 26esima, del dating show di Canale 5 condotto da Maria De Filippi. (Continua dopo la foto)

Marco Firpo
Marco Firpo

Gemma Galgani contro Tina Cipollari

Sempre nella stessa intervista rilasciata a Uomini e Donne Magazine, Gemma Galgani ha rivolto un pensiero alla sua acerrima nemica Tina Cipollari. O meglio, un velenoso consiglio alla vamp frusinate che è reduce da una vacanza in crociera.

“Deve fare il pieno di argomenti nuovi così da non ricorrere alle offese o ai pettegolezzi”, ha detto in modo velenoso la 71enne torinese. E ancora, quest’ultima senza giri di parole le ha suggerito anche di dare una ritoccata al suo look: “Qualcosa di più fresco e informale, mica deve agghindarsi come fosse alla Scala di Milano”.