Pierluigi Diaco, frecciatina alla Rai: rotto un tabù a Io e Te

Pierluigi Diaco
Pierluigi Diaco

Pierluigi Diaco infrange un altro tabù della Rai, citando espressamente la concorrenza Mediaset

Durante la puntata di Io e Te andata in onda lunedì 27 luglio 2020 su Rai Uno, Pierluigi Diaco ha accolto Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo. Ad attirare l’attenzione non è stata tanto la coppia, quanto piuttosto l’ennesimo sketch del padrone di casa contro qualcuno. Stavolta però nel suo mirino non sono finiti né gli ospiti né i collaboratori, bensì la Rai stessa.

Il presentatore ha già acceso numerose polemiche nel corso di questa stagione del talk pomeridiano. Uno spazio rinnovato nei contenuti e nel cast. Infatti, anziché Sandra Milo e Valera Graci, in studio Pierluigi Diaco è affiancato da Santino Fiorillo, con le sue cartoline, e Katia Ricciarelli, con la posta del cuore e la rubrica dedicata ai giganti della lirica.

Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi a TeleMilano

Durante l’intervista Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi hanno ricordato i loro esordi tivù in quel di TeleMilano, rete mai espressamente citata. Nel 1977-78 li chiamarono a Milano perché apriva un ambizioso network (anche mai espressamente citato era la realtà di Silvio Berlusconi).

A quel punto Pierluigi Diaco si è fatto curioso ed ha domandato se fosse Milano International. Al no della coppia Pigi ha capito che si trattava di TeleMilano, l’odierna Canale 5. Così lo ha espresso chiaramente, senza farsi troppi scrupoli. Non crede ci siano problemi. A lui il divieto di citare la concorrenza in Rai gli strappa un sorriso. Con coraggio ha spiegato che si trattava di TeleMilano,era la tv poi apripista del gruppo editoriale diretto da Berlusconi.

Pierluigi Diaco trasgredisce alla regola non scritta

In effetti chi guarda mamma Rai si sarà accorto che spesso e volentieri i professionisti tendano ad evitare di citare espressamente la concorrenza Mediaset. Di frequente ricorrendo a giochi linguistici, talvolta pure piuttosto goffi.

Una specie di “Supercazzola” degna del miglior Ugo Tognazzi in Amici Miei. Come chiunque altro, pure Diaco si porta appresso la sua bella serie di difetti, ma l’onestà intellettuale gli va davvero riconosciuta. Ancora una volta ha rotto un tabù tirando una frecciatina delle sue.