Harvey Weinstein: le ultime sulle condizioni di salute dopo il Coronavirus

Harvey Weinstein: aggiornamenti sulle sue condizioni di salute
Harvey Weinstein

Harvey Weinstein: come sta l’ex produttore cinematografico dopo aver contratto il Coronavirus

Come sta l’ex produttore cinematografico Harvey Weinstein? Quali sono le sue condizioni di salute? Sul fondatore della Miramax, definito come il “mostro di Hollywood” dopo l’inchiesta realizzata dal New York Times e il susseguente movimento #MeToo, abbiamo perso ultimamente le tracce.

Attualmente l’uomo è recluso presso il Wende Correctional Facility, un piccolo carcere nello stato di New York, dove i giudici lo hanno fatto trasferire per scontare una condanna fino a 23 anni di prigione.

In particolare, la sentenza elevata contro Harvey Weinstein riguarda le accuse di abusi a Miriam Hailey, ex assistente di produzione di Project Runway, e Jessica Mann, aspirante attrice. Due delle quasi cento donne uscite allo scoperto dal 2017 contro il 68enne.

Positivo al Covid-19

Come ha riportato la testata Daily Mail, lo scorso 22 marzo Weinstein e un altro detenuto sono risultati positivi al Covid-19: da qui la scelta di isolare in quarantena pure alcuni membri del personale. Sempre secondo quando scrive il quotidiano britannico, l’ex re di molestie e stupri potrebbe aver contratto il virus nel carcere in cui era precedentemente recluso, ovvero in quello di Rikers Island.

Nel numero uscito oggi in edicola il Daily Mail fornisce aggiornamenti sulle condizioni di salute di Harvey Weinstein. Ebbene, dopo aver osservato una quarantena di due settimane, l’uomo è guarito. Secondo l’articolo pubblicato dal Daily Mail, certe persone particolarmente vicine al newyorkese hanno raccontato di aver perso i contatti con lui e di non essere riusciti a sentirlo una volta risultato positivo al Coronavirus perché lo hanno messo in isolamento e in quarantena.

Harvey Weinstein tossiva e aveva la febbre. Versa in cattive condizioni di salute ed ha molti problemi preesistenti. Gli affetti sono parecchio preoccupati. Non ci credono al fatto che l’abbia scampata.

Harvey Weinstein: la sentenza del tribunale di New York

Lo scorso mese dal tribunale di New York è giunta una esemplare sentenza a Weinstein, anche se con un lieve sconto sul massimo della pena di 29 anni chiesta dal pubblico ministero.

Contestategli degli abusi da note celebrità dello showbiz americano, il giudice James Burk ha elevato una pena di 23 anni di reclusione. Pronunciato il verdetto, forti dolori al petto e problemi cardiaci hanno costretto il trasferimento di Weinstein in ospedale. Dopodiché, lo hanno portato nella prigione di Rikers Island e proprio qui avrebbe contratto il Coronavirus.