Benedetta Rossi perdona l’hater: “Mi ha chiesto scusa”, e lancia un appello

Benedetta Rossi
Benedetta Rossi

Benedetta Rossi perdona l’utente che l’aveva offesa su Twitter

Benedetta Rossi è finita invischiata nelle scorse ore in uno scontro senza esclusione di “tweet” con un un hater. Provocata dall’utente la celebre fooblogger di Fatto in casa da Benedetta, ha replicato con termini molto duri. La sua risposta è andata a buon segno, tanto che, passate poche ore dal feroce scambio, il ragazzo reo di averla offesa dandole della “orrenda” e “cessa” si è scusato con una mail, pubblicata da Benedetta Rossi sul suo profilo Twitter, accentando le scuse.

Quella del body shaming è una pratica vergognosa, purtroppo comune in rete, dove chi scrive spesso usa account falsi o comunque ha la tranquillità di sfogarsi dietro ad una tastiera, sicuro di non subire ripercussioni. La storia qui raccontata è di sicuro interesse e, chissà, magari di ispirazione per chi ancora non ha afferrato quanto muovere cattiverie gratuite sull’aspetto fisico di una persona, soprattutto se donna, sappia ferire.

Ammenda alla foodblogger

Benedetta Rossi posta sulla sua pagina di Twitter la mail di Luka, il ragazzo che in precedenza l’aveva insultata. Le ha domandato privatamente scusa, lei ha accettato  e l’ha ringraziato. Per lei la vicenda finisce qui. Ora vorrebbe veder Luka venir lasciato in pace: ci vuole parecchio più coraggio a scusarsi che ad insultare. In allegato una screenshot della mail ricevuta.

Fin dalle prime parole traspare il dispiacere del follower. Non sa se leggerà o meno la mail, ma è l’unico modo a sua disposizione per contattarla. Fa ammenda perché ha compreso il male che le sue parole hanno potuto creare e quanto queste siano state travisate dal popolo del web, generando pertanto un disastro.

Benedetta Rossi: mail di scuse

Adesso Luka non intende giustificare ogni singola parola. Desidera esclusivamente chiarire il contenuto dell’intervento: non voleva offendere Benedetta Rossi come persona, né tantomeno in qualità di donna. Il suo è stato semplicemente un comportamento stupido e, a dirla tutta, non sa nemmeno da dove sia uscito.

È esploso e le persone hanno fatto benissimo a riprenderlo. Avrebbe fatto la stessa cosa. In tale occasione intende far sapere che lui non è certamente un bullo, anzi più volte è lui il primo a difendere chi viene attaccato. E, allo stesso tempo, non è misogino: diverse donne circondano la sua famiglia. Comprende di aver commesso una sciocchezza e di aver peccato in maleducazione. Le chiede umilmente perdono.